CARO ENERGIA: EFFETTI NEGATIVI SULLA FILIERA DELL’OLIO

da Giada Giaquinta

L’aumento dei costi dell’energia avrà effetti devastanti anche sulla filiera dell’olio. Il rincaro dell’energia si abbatte infatti sui costi di produzione nello specifico su imballaggi, dal vetro per le bottiglie fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti. Una problematica a cui si aggiunge quella legata al caldo anomalo che a maggio ha compromesso la fioritura e il deficit idrico hanno creato le condizioni per un’annata di poca ‘carica’ delle olive destinate alla produzione determinando un calo della produzione del 20 per cento in meno rispetto ai numeri dello scorso anno. A darne notizia il Presidente del Consorzio Olio Dop Monti Iblei Giuseppe Arezzo,

GIUSEPPE AREZZO Presidente del Consorzio Olio Dop Monti Iblei

Tuttavia questo ultimo elemento ha dei risvolti positivi sulla qualità, si tratterà di una quantità ridotta ma di eccelsa
qualità ha evidenziato Arezzo che sottolinea come l’olio dop ricuota successo anche all’estero e che in alcune aree del territorio, vicino al mare, la raccolta sarà anticipata di qualche settimana.

SEGUICI SUI SOCIAL

© 2022 – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.