COVID-19: INAIL, CONTAGI SUL LAVORO CONCENTRATI NEL NORD ITALIA

da Viviana Sammito

Il 40,2% dei contagi sul lavoro da Covid-19 è concentrato nel Nord-Ovest (prima la Lombardia con il 23,4%), seguito dal Nord-Est con il 21,8% (Veneto 10,7%), dal Centro con il 16,9% (Lazio 8,3%), dal Sud con il 14,8% (Campania 7,4%) e dalle Isole con il 6,3% (Sicilia 4,5%). E’ quanto emerge dal 29esimo report nazionale sui contagi lavoro-correlati da nuovo Coronavirus elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail. Le province con più contagi da inizio pandemia sono perlopiù al nord ma gli incrementi percentuali più alti rispetto alla rilevazione di fine giugno sono stati registrati anche nelle province siciliane di Messina e Trapani. Si conferma il trend in netta diminuzione dei casi mortali di contagio da Covid-19 sul lavoro. I decessi rilevati al 31 agosto, infatti, sono 886, nove in più rispetto agli 877 di fine giugno. sempre secondo dal 29esimo report curato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto. A morire sono soprattutto gli uomini (82,8%), ma il rapporto tra i generi si inverte allargando l’analisi a tutte le infezioni di origine professionale denunciate. La quota delle lavoratrici sul totale dei casi di contagio, infatti, è pari al 68,2%. La componente femminile supera quella maschile in tutte le regioni, con le sole eccezioni della Sicilia e della Campania, dove l’incidenza delle donne è, rispettivamente, del 49,6% e del 48,8%.

SEGUICI SUI SOCIAL

© 2022 – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.