PALERMO - MESSO GIUDIZIARIO RESTA IN CARCERE

di Marco Scavino
134 visite

Il tribunale del riesame di Palermo ha parzialmente accolto il ricorso di Feliciano Leto, l’ex Pip e commesso giudiziario in procura accusato di aver passato informazioni riservate su indagini in corso da lui apprese consultando i fascicoli dei pm. Come chiesto dall’avvocato Luigi Miceli è caduta l’accusa di aver favorito Luigi Abbate boss della Kalsa detto Gino u mitra. Il tribunale ha però confermatole altre contestazioni e confermato per Leto la custodia cautelare in carcere. L’ex Pip addetto al trasporto dei fascicoli delle segreteria dei pm è accusato di avere consultato i procedimenti, fotografato e diffuso in maniera illecita atti coperti dal segreto istruttorio. L’indagato avrebbe portato all’esterno le cartelle con i documenti top secret. Ma soprattutto si sarebbe reso disponibile a fornire a diverse persone le informazioni sulle indagini in corso e sulle intercettazioni avviate nei loro confronti. Una fuga di notizie che avrebbe arrecato un danno ad alcune inchieste su rapine a mano armata, ma anche su traffico di armi e corruzione e falso. A confermare i sospetti sulla sua attività abusiva sarebbe stato un spyware installato nel cellulare che ha registrato ogni mossa e captato tutti quelli con cui Leto parlava e si incontrava.

Potrebbe interessarti anche:

SEGUICI SUI SOCIAL

©2022 Video Mediterraneo – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.