18 Aprile 2024
COOP

IMMIGRAZIONE CLANDESTINA - PM: “NON LUOGO A PROCEDERE”

di Viviana Sammito
70 visite

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: udienza rinviata al 19 aprile quando il giudice dovrà annunciare la sua decisione sulle eventuali responsabilità dell’equipaggio della nave Iuventa, imbarcazione della ong tedesca “Jugend Rettet”, sequestrata sette anni fa a dopo un salvataggio di migranti. il pubblico ministero ha chiesto il non luogo a procedere, perchè dopo 7 anni, il dolo degli imputati non è sufficientemente provato. Si è conclusa con questi termini l’udienza preliminare al tribunale di trapani sul caso della iuventa. La difesa ha presentato un ‘arringa finale, chiedendo non solo la chiusura del caso, ma anche il pieno riconoscimento della legittimità  di tutte le azioni dell’equipaggio. La difesa ha inoltre richiesto di avviare un’indagine sulle circostanze del caso per stabilire chi sia responsabile per gli errori compiuti durante la fase investigativa e per le sue gravi implicazioni. La difesa ha ribadito l’ingresso in Italia delle persone salvate – che è – hanno detto – da considerarsi lecito in qualsiasi circostanza. Hanno poi ribadito che tutte le azioni intraprese dalla Iuventa erano legittime e rientravano tra i loro diritti – basati su principi legali internazionali e nazionali come quello del dovere di soccorso e di intervento in condizioni di pericolo in mare, oltre che sui diritti fondamentali degli imputati. Il dito è puntato contro la magistratura per avere incaridnato un processo con indagini politicamente orientate. Le autorità hanno infatti continuato a perseguire il caso, nonostante l’assenza di prove che indicassero illeciti. Il Ministero degli Interni ha persino incaricato una sezione speciale della polizia di occuparsi delle indagini, il che indica una forte influenza politica. Gli avvocati difensori hanno richiesto che il tribunale non si limiti alla richiesta del non luogo a procedere data la presunta mancanza di prove sull’intento degli accusati, ma che venga pienamente riconosciuto che le azioni dell’equipaggio della Iuventa non solo erano legittime, ma rappresenta l’esercizio di un diritto riconosciuto agli imputati.

SEGUICI SUI SOCIAL

©2022 Video Mediterraneo – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.