CORRUZIONE - MISURE DEL PRESIDENTE SCHIFANI

di Viviana Sammito

Il presidente della regione siciliana, Renato Schifani, ha adottato misure anti corruzione. Sul tavolo dei dirigenti responsabili delle strutture regionali stamattina è arrivata una lettera con la quale il governatore li ha richiamati a una corretta attuazione delle misure di monitoraggio e prevenzione del fenomeno. Tra le misure più importanti quella dell’avvio di programmi di rotazione ordinaria del personale «coerenti con le linee di indirizzo dettate nel Piano per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza». Priorità dovrà essere data a chi è responsabile dei procedimenti nelle aree a più elevato rischio di corruttela e a chi è addetto ai contatti con il pubblico. Il presidente Schifani, inoltre, ha sottolineato il dovere, in capo ai dirigenti, di disporre con provvedimento motivato la rotazione straordinaria del personale nel caso di avvio di procedimenti penali o disciplinari per condotte di natura corruttiva. Sono misure volte anche alla tutela dell’imparzialità. Il presidente è stato chiaro: la misura va applicata appena si venga a conoscenza dell’avvio di un procedimento penale, invitando i dirigenti a raccomandare ai propri impiegati l’osservanza dell’obbligo di comunicare al datore di lavoro di essere sottoposto a indagine penale. «La vigilanza sulla prevenzione della corruzione costituisce una priorità del nuovo governo regionale», ha concluso il governatore, esortando i dirigenti a una «fattiva collaborazione» per una «rigorosa attuazione della misura».

Potrebbe interessarti anche:

SEGUICI SUI SOCIAL

© 2022 – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.