ROBERTA SIRAGUSA - CONFERMATO ERGASTOLO A MORREALE

di Marco Scavino
39 visite

Ricorso inammissibile. La corte di cassazione ha confermato per Pietro Morreale, la pena dell’ergastolo. Il giovane di Caccamo è accusato di avere ucciso la fidanzata Roberta Siragusa la notte tra il 23 e 24 gennaio del 2021. L’imputato era accusato di omicidio aggravato e occultamento di cadavere. La famiglia della vittima e il Comune di Caccamo sono parte civile con l’assistenza degli avvocati Giuseppe Canzone, Giovanni Castronovo, Simona La Verde e Sergio Burgio. Morreale è difeso dall’avvocato Gaetano Giunta. Roberta, che aveva 17 anni, è morta a Caccam, bruciata viva nei pressi dello stadio. La notte tra il 23 e il 24 gennaio, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Pietro Morreale avrebbe picchiato la fidanzata che aveva deciso di lasciarlo e le avrebbe dato fuoco nei pressi del campo sportivo. Poi ha caricato il corpo sull’auto e lasciato il cadavere in un dirupo non distante dalla casa della vittima. Una ricostruzione che ha retto per due gradi di giudizio. Roberta aveva 17 anni ed è morta in quella notte, bruciata viva nei pressi dello stadio.

SEGUICI SUI SOCIAL

©2022 Video Mediterraneo – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.