17 Giugno 2024

PONTE SULLO STRETTO - DOMANI E’ IL GIORNO DELLA PROTESTA

di Viviana Sammito
124 visite

Domani è il giorno della protesta per dire “No al Ponte” che si terrà a Villa San Giovanni a partire dalle 9.30. Un’iniziativa del comitato No Ponte che avrà il sostegno di altre associazioni e della cgil sicilia che insiste nel ribadire che “E’ un’opera per la quale non esiste un progetto serio, credibile aggiornato, come dimostrano anche i rilievi mossi dal ministero dell’Ambiente. E’ un’opera per la quale, tuttavia, sono stati già spesi e sprecati ingenti fondi e ulteriore risorse sono oggi bloccate. Questo mentre in Sicilia, ma anche in Calabria, infrastrutture fondamentali – strade, autostrade e ferrovie – sono carenti. E’ anche un’opera che distruggerebbe due coste e avrebbe un impatto ambientale pesante su terra, mare, aria”. La Cgil sostiene che è necessario investire su strade, autostrade e ferrovie e la si smetta di cercare di prendere in giro siciliani, calabresi, italiani tutti”. La commissione ponte sullo Stretto del comune di Messina ha annunciato che il 21 maggio, alle 12, si svolgerà l’audizione di tre tecnici per discutere in merito all’analisi dei costi e dei benefici dell’opera. In aula consiliare ci saranno il professore Roberto Zucchetti ( Docente della Bocconi in economia dei trasporti e valutazione delle infrastrutture), e l’ingegnere Ilaria Coppa ( Dirigente Anas. Direzione Operation e Coordinamento Territoriale – Responsabile Pianificazione Trasportistica, Analisi Traffico Costi Benefici e valutazione degli indici di redditività degli interventi del contratto di programma Anas ). In collegamento video ci sarà il professore Agostino Nuzzolo (Professore ordinario Roma Tor Vergata, dove è stato anche Direttore del Dipartimento di Ingegneria, in Esercizio e controllo delle reti di trasporto). Il ministro delle Infrastrutture, matteo Salvini, ha ribadito che il costo preventivo dell’opera è di “12 miliardi”. Quando c’è qualsiasi nuova opera pubblica è chiaro che bisogna chiedere ai cittadini indennizzandoli di mettersi a disposizione per un obiettivo di pubblica utilità – ha detto salvini – ogni opera pubblica che coinvolge persone come queste che verranno legalmente indennizzate una volta che il progetto sarà approvato in via definitiva, cosa che conto accada entro l’anno”.

Potrebbe interessarti anche:

SEGUICI SUI SOCIAL

©2022 Video Mediterraneo – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.