SCICLI - OMICIDIO, “FORSE PIU’ PERSONE AD AGIRE”

di Marco Scavino
573 visite

Sulla morte di Giuseppe Ottaviano il fascicolo è ancora a carico di ignoti e al momento non ci sono fermi di indiziato di delitto. Emerge questo dalle fonti ufficiali in merito all’omicidio di Peppe Ottaviano. Ieri una giovane coppia di scicli è stata portata a Ragusa e lì è stata ascoltata per ore. Da INDISCREZIONI si apprende che la donna ascoltata ieri abbia avuto rapporti occasionali con Ottaviano. I carabinieri hanno raggiunto il 30enne sul posto di lavoro a Pozzallo. La donna invece è stata raggiunta a Scicli. La coppia è stata ascoltata per raccogliere informazioni utili a ricostruire le ultime ore di vita di Giuseppe Ottaviano. Dalle fonti ufficiali si apprende che non c’è alcuna novità sul caso di omicidio e che al momento non c’è alcun nome nel registro degli indagati. Pare però, dagli elementi raccolti, che le piste principali siano il movente passionale o la droga. Ad uccidere il 40enne potrebbero essere state più persone. Le ferite riportate raccontano di una aggressione furibonda. L’autopsia ha accertato la rottura di 4 costole e una frattura al cranio, che lascia presupporre con certezza che Peppe Ottaviano sia stato pestato a morte da una o più persone, anche utilizzando un corpo contundente, non trovato sulla scena del crimine. Un massacro che potrebbe avere come pista la droga o il movente passionale.

Potrebbe interessarti anche:

SEGUICI SUI SOCIAL

©2022 Video Mediterraneo – Powered by Rubidia. Tutti i diritti riservati | R.V.M. Srl – S.S. 115 Km 339,500 – Modica (RG) | P.Iva 00857190888.